Tra il 1969 e il 1971, gli ultimi due anni di liceo classico all’Istituto Santa Maria di Roma, Ferdinando Taviani è stato il mio professore di Italiano. Lui ha insegnato per qualche tempo lì dove anche lui aveva studiato ed io ho avuto la grande fortuna di trovare in lui un Maestro. Le sue lezioni mi hanno cambiato la vita. 

Ormai sono in pensione dopo avere insegnato per 43 anni Storia dell’Arte all’Accademia di Belle Arti, ricevendo dai miei studenti ringraziamenti per la qualità dei miei insegnamenti, e sono sicuro che lo devo a lui: è lui che mi ha dimostrato che insegnare è un mestiere bellissimo. Per me diciassettenne, le sue lezioni erano un miracolo che si avverava in un’aula di una vecchia scuola. Allora mi ha insegnato a godere della cultura e, leggendo le sue pagine, godo ancora di tanta lucida intelligenza.

Ho sempre avuto sue notizie da un amico comune che insegna Storia del Teatro e, in anni recenti, l’ho incontrato per le strade vicino a casa. Sono stati incontri brevi e cordiali, ci davamo del tu e questo mi riempie d’orgoglio. 

Ivo Bomba

Tutti possono inviare contributi (pensieri, foto, ricordi personali,
in formato pdf, word, jpg).

invia